FRUSTRAZIONE ACCADEMICA:

non so se ho già espletato quello che penso dell’università:

tanto per cominciare è un sistema che non funziona, non perchè non qualifichi ottimi dottori nelle loro lauree, perchè quello ce lo invidia il mondo; ma perchè l’università italiana è strutturata perchè circa il trenta percento degli studenti decida di lasciarla. Un sistema educativo che invoglia uno studente ad abbandonare il proprio percorso formativo non è un sistema che funziona ( quindi è inutile se ci chiediamo perchè il paese stia andando a puttane).

Il principio di questo problema si trova in questa definizione: gli studenti universitari sono matricole che passano il tempo ad aspettare che qualcuno gli dica come siano andati gli esami, in pratica siamo numeri che contano il tempo per attendere altri numeri, in attesa di divenire altri numeri in una società di numeri.

Ora io sarò anche un polemico che si lamenta di tutto, però da questo punto di vista non ci si deve stupire della quantità di PERSONE che sclerano male pensando all’uni.. cioè , ormai chiedere ad una persona come va all’uni è come parlare del tempo atomosferico: nessuno è mai contento, perchè qualsiasi piano uno progetti VA TUTTO A PUTTANE PER CAUSE SUPERIORI!

Faccio un esempio, qui c’è un mio amico, un’altra vittima di questo sistema malato e cinico, che studia con me nel freddo nord Italia lasciando la bella Sicilia ( e già qui il dramma è evidente, io glie lo dico sempre che dovrebbe studiare li e non uccidersi intellettualmente, ma non mi ascolta -.- [ il che è un problema per lui, ma è anche un problema per me, nel senso che se mi ascoltasse potrei andare a studiare con lui in quel paradiso, lasciando sta gabbia di matti… ma questo è un altro discorso]); ora lui ha dovuto prendere un aereo per venire qui perchè ci avevano comunicato la necessità di sostenere un esame tra qualche giorno, fuori dalla sessione di esami -.-, per arrivare in aula e sentirsi dire “ beh abbiamo deciso di rimandarlo a gennaio durante la sessione normale”..

lui è una bravissima persona, e con celestiale pazienza ed educazione l’ha presa con filosofia, ma… (piccola pausa per prendere fiato ed urlare con una rabbia peggiore di quella di Napoleone quando gli hanno detto che la siberia è fredda) FOSSESUCCESSOAMEPORCAZZADIQUELLAPUTTANACCIASCHIFOSA, AVREI COME MINIMOSTRAPPATOAMORSILAGIUGULAREDELLASVENTURATATUTORDITURNO!

È così che poi nasce un sociopatico, non è colpa sua, neanche della società.. è colpa di sta cazzo di università! Poi mi si chiede perchè son sempre di pessimo umore! Cazzo.. ho a ch fare con degli idioti.. per non parlare poi di come è gestita l’università… l’altro giorno salta la lezione del pomeriggio, il segretario alle 10,00 del mattino se ne esce con un mio compagno che era li per caso “ah sì.. ieri mi han detto che oggi pomeriggio non c’è il docente, dillo ai tuoi compagni, che non vengano qui per niente..” MA COSA STRACAZZO DI COSTAVA PUBBLICARLO IERI SERA SUL SITO DELL’UNI????’

gente che si organizza per fare anche 80 km, e sto cazzone si sveglia fuori tre ore prima che cominci la lezione.. è anche vero che il sito dell’uni funzione come uno strabico ubriaco che deve contare il numero di coppie in una sala di ballo.. non funziona ed è inutile! Gli avvisi vengon pubblicati tutti in massa sull’ateneo di turno, capite che uno che fa parte del dipartimento di medicina deve controllare in mezzo agli avvisi per : medicina, infermieristica, fisioterapia, tecnici di laboratorio, radiologi,psicologia, scienze della nutrizione etc… sono circa tre avvisi per corso universitario, per la somma degli anni di durata della laurea, per lasomma di tutti i corsi universitari, per la somma dei poli universitari e delle sedi distaccate.. a questo punto serve una laurea per riuscire a partecipare al corso di laurea… è come scrivere il libro per imparare a leggere!!

non so se vi è mai capitato di parlare di università con qualcuno che frequenti un ateneo diverso, ma in genere nessuno è mai felice di come funzioni, tutti sono convinti che il tuo sia migliore, poi gli spieghi che probabilmente funziona anche peggio e tutti e due imprecano come ossessi.. perciò sono convinto che chiunque abbia lasciato l’università, non sia uno che non ce la faccia, un lavativo o altro, penso solo che sia una persona di buon senso che ha cura della sua salute mentale e sociale! 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...